La fine del XIX secolo fu caratterizzata da un senso di crescente disillusione nei confronti della religione ortodossa, accelerata dal progresso demistificante della scienza. L’atmosfera era matura perché i movimenti fiorissero sostenendo di offrire antidoti alla fame spirituale di cui tanti sembravano soffrire. L’istituzione della filiale tedesca della Società Teosofica nel 1884 fu uno di questi esempi, annunciando l’alba di un risveglio occulto nel paese. All’inizio del XX secolo vi erano emerse numerose nuove dottrine. Contemporaneamente questo periodo ha visto la formazione di diversi Lebensreform(Riforma della vita) gruppi che promuovevano un interesse per la cultura fisica e sostenevano nuove forme di esercizi che affermavano di restituire “benessere” a coloro che li praticavano. Una dottrina che affermava di elevare sia il corpo che lo spirito era Mazdaznan, un movimento particolarmente popolare che incorpora la coscienza corporea realizzato attraverso esercizi di respirazione, una dieta vegetariana rigorosa e una filosofia esoterica.

Mazdaznan ebbe un impatto significativo, anche se spesso frainteso, sulla vita e l’opera di Johannes Itten (1888-1967), una figura chiave nello sviluppo del Bauhaus di Weimar. Un devoto praticante di Mazdaznan, fu responsabile di averlo presentato agli studenti del Bauhaus all’inizio degli anni ’20. In questo saggio per bauhaus imaginista, Esploro l’intima relazione tra Itten, Mazdaznan e il Bauhaus. In tal modo, la mia intenzione è anche sottolineare come nella sua infanzia il Bauhaus fosse molto diverso dalla sua successiva incarnazione come scuola associata principalmente all’innovazione tecnica nel campo del design e della produzione di massa. Infine, discuterò di come Itten e Mazdaznan portarono al primo Bauhaus una serie di tendenze ideologiche e tecniche pedagogiche che, dalla prospettiva odierna, possono apparire allo stesso tempo arcane, messianiche, ispiratrici e moralmente ripugnanti.

Mazdaznan è un sistema sincretico fondato negli Stati Uniti nel 1890 da Otto Hanisch (? –1936), che in seguito divenne noto come Dr. Otoman Zar-Adusht Ha’nish. 1Mentre è confermato che Ha’nish è morto nel 1936, la data della sua nascita, come molti altri dettagli della sua vita, è avvolta nel mistero. La narrativa “ufficiale” diffusa da coloro che sono direttamente affiliati al movimento afferma che Ha’nish è nato a Teheran nel 1844, figlio di un diplomatico russo. Secondo i discepoli Mazdaznan, Ha’nish è nato con problemi di salute e di conseguenza è stato mandato dai suoi genitori a vivere con una misteriosa setta zoroastriana in un remoto monastero di montagna. Lì gli iniziati che erano i suoi tutori lo istruirono nelle tecniche di respirazione e in varie forme di ascetismo che gli permisero di trionfare sulla sua malattia potenzialmente fatale. Altre fonti suggeriscono che Ha’nish fosse un tipografo di Lipsia emigrato a Chicago, reinventandosi come guru spirituale. Upton Sinclair ha affermato nel suo libroI profitti della religione che Ha’nish era solo una frode. Nel racconto pungente di Sinclair, egli propose che il movimento Mazdaznan fosse fondato con la sola intenzione di fornire ad Ha’nish una fonte di reddito.

Quello che si sa è che Ha’nish iniziò a propagare Mazdaznan per la prima volta negli Stati Uniti negli anni 1890 tramite conferenze pubbliche in cui presentò parte del materiale che sarebbe poi stato pubblicato come Mazdaznan Health & Breath Culture and Inner Studies,entrambi apparvero nel 1902. In queste pubblicazioni Mazdaznan combinò una vasta gamma di idee riguardanti il ​​benessere spirituale e fisico da numerose fonti, presentate nella cornice della mitologia zoroastriana. In effetti, Ha’nish affermò che Mazdaznan era in realtà il moderno erede dello zoroastrismo e che il suo legame con quell’antica tradizione era la prova della sua autenticità.

Il movimento sembrava emulare il suo precursore, la Società Teosofica, in altri modi. L’emergere della Società Teosofica nel 1875, e la sua successiva popolarità negli Stati Uniti e in Europa, provocò un aumento di interesse per l’esoterismo e un’attrazione per varie forme di pensiero orientale. 2Una serie di concetti presi dall’induismo, come la reincarnazione e il karma, furono introdotti da figure associate alla Teosofia e furono presto ampiamente diffusi. 3 La Teosofia adottò il concetto che la libertà di pensiero e spirito potesse essere raggiunta attraverso la respirazione e vari esercizi corporei dello Yoga.

Sebbene l’impatto della Società Teosofica fosse di maggiore importanza di quello di Mazdaznan, entrambi i movimenti erano essenzialmente una fusione di diversi elementi tratti da numerose fonti. Tuttavia, una differenza significativa tra i due è che mentre la Teosofia proponeva che una certa saggezza divina unisse tutte le tradizioni spirituali, Ha’nish affermò che Mazdaznan era la fonte suprema di tutta la conoscenza occulta ed era stato “plagiato per esaltazione da individui e scuole. ” 4Secondo Ha’nish, non c’era quasi nessun sistema di pensiero che non avesse beneficiato in qualche modo di Mazdaznan ed era quindi il percorso più degno da seguire. Tuttavia, paradossalmente, gli aspetti di Mazdaznan che riguardano la dottrina spirituale sono notevolmente vaghi e disparati. Invece, l’enfasi principale del movimento era e rimane un regime alimentare vegetariano, esercizi di respirazione, posture fisiche e altre forme di terapie legate al corpo, tra cui vampate di calore del colon e cure intestinali. Inner Studies descrive in dettaglio la rigorosa routine igienica e dietetica che i praticanti dovevano seguire per assicurarsi che avrebbero raggiunto la purezza sia fisica che spirituale. Questa attenzione alla disciplina dietetica, ai frequenti clisteri ed esercizi è stata descritta come “occultismo medico” dallo storico britannico Nicholas Goodrick-Clarke. 5 In tutti gli studi interni Hanisch afferma che alcuni esercizi e posture fisiche possono “suscitare forze negative” all’interno del corpo e trasformare le correnti in azioni positive. È evidente dalla letteratura mazdaziana che Hanisch fondeva la purificazione del corpo con il raggiungimento della trascendenza spirituale Vi è una preoccupazione ricorrente di purificare il corpo in una varietà di modi e, come ci si potrebbe aspettare da un movimento che consigliava di astenersi da alcol, tabacco e carne, anche la letteratura di Mazdaznan consigliava l’astinenza sessuale. In Inner Studies, l’eccitazione del desiderio sessuale è stata spiegata come un sintomo psicologico di problemi intestinali, facilmente risolvibili con un clistere completo. Per coloro che hanno scelto di impegnarsi in rapporti sessuali, Ha’nish ha fornito istruzioni su come controllare il corpo. Ad esempio, si consigliava agli uomini di trattenere il liquido seminale, suggerendo che l’astensione dall’eiaculazione fosse la chiave per la vita eterna.

Mentre alcuni aspetti della dottrina Mazdaznana possono apparire oggi come pudicamente vittoriani, c’erano sfaccettature progressiste nel movimento. Ciò è più evidente nella difesa in qualche modo sorprendente dell’uguaglianza di genere. Ad esempio, Hanisch scrive: “È giusto che l’uomo intenda la donna come la donna intenda gli uomini, perché quando il confine tra loro non può più esistere e la barriera una volta abbattuta, il mistero svelato concepito per mantenere l’umanità in una condizione di profonda ignoranza perderà il suo fascino … quella donna verrà costantemente in primo piano e il giorno non è troppo lontano in cui lo farà. L’uomo non ha nulla da temere. Dovrebbe chiamare questo giorno benvenuto perché attraverso di esso la salvezza verrà anche a lui “. 6

Tuttavia questi elementi un po ‘progressisti coesistevano con punti di vista influenzati da una delle tendenze più ripugnanti dell’epoca, l’eugenetica.

Come rivela la storia del movimento eugenetico, fiorì a un livello sbalorditivo all’inizio del XX secolo, propagato da organizzazioni come la Eugenics Education Society fondata nel 1907. Diversi decenni prima dell’ascesa del Terzo Reich, la prima letteratura Mazdaznana mostrava una preoccupazione con superiorità razziale e antisemitismo, promuovendo l’idea che la terra dovrebbe essere governata dalla “razza ariana”. Questo particolare aspetto della filosofia del movimento, su cui tornerò più avanti in questo saggio, ha raccolto diversi livelli di popolarità e sembra essere stato eliminato dal movimento quando è stato modernizzato.

Mazdaznan fu introdotto per la prima volta in Europa attraverso la Germania nel 1907 da David Ammann (1855-1923), e successivamente reso popolare dallo stesso Ha’nish attraverso una serie di conferenze che presentò nel 1911. Il movimento si dimostrò particolarmente popolare in Germania e Svizzera, dove fece appello alle nascenti classi medie. Molti tedeschi e svizzeri consideravano l’industrializzazione e l’espansione della vita urbana distruttive, idealizzanti LebensreformLa tendenza al ritorno alla natura, allora più visibile nell’emergere di una varietà di comunità rurali alternative. Questi gruppi praticavano la medicina naturale, il vegetarianismo, il nudismo e altre attività riparatrici, credendo che avrebbero accelerato il ritorno di un idillio preindustriale. Mazdaznan si è rivelato incredibilmente popolare nella sua fase iniziale, con ristoranti vegetariani associati al movimento che spuntano a Berlino, Lipsia, Weimar e altre città tedesche.

 

Si pensa che Johannes Itten abbia incontrato Mazdaznan già nel 1912 a Berna ed è noto per essere stato un membro della comunità del tempio di Aryana Mazdaznan a Herrliberg sul lago di Zurigo. Nel 1916 produceva opere d’arte in un vocabolario distintivo che evocava il cubismo orfico, suggerendo anche un impegno per ideali esoterici. È noto che nel 1919 Itten era diventato un devoto di Mazdaznan, nel frattempo stava producendo opere come Ascensione e Pausa , un’opera ricca di idee e simbolismo centrale per il movimento. È interessante notare che si possono distinguere alcune somiglianze formali tra questo dipinto e l’iconica incisione su legno della cattedrale prodotta da Lyonel Feininger (1871–1956) per la copertina del manifesto Bauhaus del 1919 di Walter Gropius (1883–1969).

Il fatto che Itten fosse profondamente impegnato con il Mazdaznan prima di entrare a far parte del Bauhaus indica che il coinvolgimento in tali società non sarebbe stato considerato stravagante all’epoca.

In effetti, è significativo notare che Itten, che arrivò a Weimar nell’ottobre 1919 per diventare uno dei primi maestri del Bauhaus, fu inizialmente raccomandato a Gropius (1883-1969) dalla moglie Alma Mahler (1879-1964), lei stessa una impegnata Teosofo. Quando Gropius incontrò Itten, aveva già stabilito la sua reputazione di insegnante. Dopo essersi formato a Ginevra e Stoccarda, Itten ha lavorato come insegnante di scuola elementare prima di aprire la sua scuola d’arte a Vienna, dove si diceva fosse adorato dai suoi studenti. La popolarità di Itten tra gli studenti inizialmente fece appello a Gropius,

Itten ha utilizzato la sua vasta esperienza per sviluppare i famosi Vorkurs, il corso preliminare che è stato il fondamento della pedagogia Bauhaus. Cercò di promuovere un approccio intuitivo in ciascuno dei suoi studenti, e in questo fu significativamente influenzato dalle teorie di Friedrich Froebel (1782-1852), il pioniere dell’educatore tedesco che integrava il gioco attivo nel processo di apprendimento.

Il corso preliminare consisteva in un programma di sei mesi obbligatorio per tutti gli studenti Bauhaus.

La sua idea era quella di fornire una base condivisa e di aiutare gli studenti a “decondizionare” le loro conoscenze preconcette e i presupposti riguardo al processo artistico. Gli studenti hanno esplorato le materie standard di forma e colore, ma Itten li ha anche introdotti a forme di esercizio, meditazione, respirazione e concentrazione, molte delle quali prese direttamente dagli insegnamenti di Mazdaznan. Resoconti successivi di studenti e maestri del Bauhaus confermano che l’inclusione di tali pratiche fisiche fu influenzata dal desiderio di Itten di diffondere le idee di Ha’nish tra i suoi studenti. Inizialmente, le pratiche esoteriche e la natura zelante di Itten erano tollerate al Bauhaus. Sembra persino che abbia convertito molti dei suoi studenti a Mazdaznan.

C’era quello che lo storico Peter Staudenmaier definisce “una sconcertante serie di ideologie e percorsi esoterici” 7 disponibili in quel momento, spesso in combinazioni che oggi sarebbero viste come rappresentative di tradizioni incompatibili. Il desiderio di trovare nuovi percorsi spirituali e modi di vivere è stato non da poco una manifestazione delle conseguenze della prima guerra mondiale. Si può ben immaginare che il carisma e l’approccio messianico di Itten avrebbero potuto rassicurare coloro che erano turbati dalla recente esperienza di guerra. Scrivendo all’inizio degli anni ’20, Itten riconosceva che mentre gli studenti inizialmente esprimevano una certa resistenza ai suoi metodi, dopo pochi giorni si sarebbero uniti con entusiasmo Si può immaginare una cerchia di studenti entusiasti che si riuniscono per le riunioni di Mazdaznan nello studio di Itten, situato, opportunamente, in un edificio un tempo utilizzato come casa dei Cavalieri Templari. 8

Le pratiche di insegnamento di Itten miravano ad espandere la gamma di percezione dei suoi studenti; per ampliare la loro consapevolezza concentrandosi, ad esempio, sul colore. In questi sforzi reclutò Gertrud Grunow (1870-1944). Grunow ha tenuto il suo corso sulla Teoria dell’Armonia al Bauhaus dal 1919 al 1923 come parte dei Vorkurs , e ha affermato di essere in grado di usare la musica e la trance per armonizzare i poteri creativi latenti dei suoi studenti. I resoconti di coloro che hanno avuto un’esperienza diretta di lavoro sotto Itten e Grunow costituiscono una lettura utile. Quelli di Paul Citroen (1896-1983), il cui lavoro è stato notevolmente influenzato da Itten, sono particolarmente perspicaci.

“Ero, come tutti i nuovi arrivati, un allievo del Vorkurs, che Itten insegnava. A quel tempo Itten era così pieno di Mazdaznan, tanto atteso da una profonda immersione negli insegnamenti, che subito dopo l’inizio del corso si prese diversi mesi di congedo per essere pienamente iniziato a questa dottrina a Herrliberg sul lago di Zurigo, il Sede europea al centro di Mazdaznan … c’era qualcosa di demoniaco in Itten. Come maestro era o ardentemente ammirato o altrettanto ardentemente odiato dai suoi avversari, dei quali ce n’erano molti. In ogni caso, era impossibile ignorarlo. Per quelli di noi che appartenevano al gruppo Mazdaznan, una comunità unica all’interno del corpo studentesco, Itten emanava uno splendore speciale. Si potrebbe quasi chiamarla santità (…) Itten,9

Man mano che la confraternita intorno a Itten diventava sempre più cultuale e fanatica, la presenza di Mazdaznan all’interno del Bauhaus divenne più divisiva. Un altro resoconto di Paul Citroen descrive in dettaglio come la cricca Mazdaznan abbia preso le distanze dagli altri studenti. Lui ei suoi compagni discepoli Mazdaznan praticavano il distacco e alla fine la cricca cominciò a considerarsi superiore, la dottrina ci rese arroganti e disprezzò i non iniziati. 10

Alla fine, la metodologia e le tendenze mistiche di Itten furono viste come incompatibili con la direzione in cui il Bauhaus era stato guidato da Gropius.

Nel tentativo di diminuire il dominio dell’influenza di Itten, Oskar Schlemmer (1888-1943) e Paul Klee (1879-1940) furono impiegati per assumere alcune delle responsabilità di Itten, riducendo così l’estensione della sua leadership. Schlemmer descrive come Itten e Gropius rappresentassero due alternative opposte: “da un lato l’influenza della cultura orientale, il culto dell’India, un ritorno al movimento Wandervogel … comuni, vegetarianismo, tolstoismo, reazione contro la guerra e dall’altro consegnare lo spirito americano, il progresso, le meraviglie della tecnologia e dell’invenzione, l’ambiente urbano … progresso, espansione e realizzazione di sé “. 11

 

Nel suo studio dei primi anni del Bauhaus, Éva Forgács caratterizza la scuola come affetta da un tipo di schizofrenia, e Gropius e Itten rappresentano certamente questa doppia personalità. Tuttavia, la discordia al Bauhaus non era solo il risultato delle differenze tra le inclinazioni razionali e quelle cosmiche. Lettere personali da Itten all’epoca rivelano che considerava Gropius un burocrate, che desiderava assumere lui stesso la direzione. Si può vedere la rottura che alla fine è risultata come conseguenza delle aspirazioni di Itten per una maggiore autorità tanto quanto le differenze ideologiche tra lui e Gropius. Sia gli studenti che i colleghi hanno avuto problemi con Itten, accusandolo di dividere il Bauhaus in due campi.

Infatti, il fatto che Itten avesse violato la costituzione del Bauhaus coinvolgendo Mazdaznan nei suoi metodi di insegnamento è confermato dai resoconti di diversi studenti di questo periodo. Gli studenti hanno trovato difficile lavorare con figure come Grunow, i cui approcci erano visti non solo come non ortodossi ma anche estremamente bizzarri. Tali fonti di tensione portarono alla partenza di Itten nel 1923, un evento che divenne un punto di svolta nella scuola, accelerando un cambiamento radicale nella sua direzione.

Nello stesso anno anche Gertrud Grunow cessò di insegnare e Gropius licenziò Lothar Schreyer (1886–1966), che era stato impiegato solo due anni prima per coordinare il programma teatrale Bauhaus.

Schreyer era un mistico, affascinato dal cristianesimo arcaico ed era lui stesso in procinto di sviluppare una confraternita attorno a sé. Presumibilmente, Gropius si sentì obbligato a impedire l’emergere di un altro gruppo fanatico.

L’espulsione di individui con tendenze esoteriche aveva lo scopo non solo di mantenere un senso di armonia interna, ma anche di placare i cittadini di Weimar, alcuni dei quali consideravano la scuola con disprezzo ed erano schietti nelle loro critiche, ritenendola un’istituzione sospetta e ribelle.12

Considerando che gli inizi del Bauhaus a Weimar sono stati plasmati da una serie di influenze, di cui l’esoterismo di Itten rappresentava una forte tendenza, l’eliminazione di questi elementi è stata intrapresa per guidare la scuola in acque meno controverse, nel processo rafforzando il suo profilo come scuola delle arti applicate. Nel 1923, i modi di pensiero mistici erano stati sostituiti da un approccio più esteriormente razionale e, in definitiva, materialistico. Potrebbe anche essere stato che Gropius si fosse sentito a disagio con certi elementi socio-politici all’interno di Mazdaznan.

Si potrebbe ipotizzare che riconoscesse che il misticismo razziale e la cultura del corpo sostenuti da Mazdaznan presentavano somiglianze con quelli sostenuti dal primo partito nazista. Fin dal suo inizio, Mazdaznan si è distinto per la sua ossessione ricorrente per la purezza fisica e spirituale. La letteratura di Mazdaznan fondeva le teorie raccolte dalla Teosofia riguardo alle “razze radice” con idee razziste sulla superiorità innata – e la natura spiritualmente avanzata – di certe culture e teorie pseudo-scientifiche riguardanti la relazione tra etnia e purezza fisica e spirituale.

Secondo la prima letteratura Mazdaznana, erano le razze ariane bianche che avevano raggiunto il più alto livello di evoluzione spirituale e fisica. Nel sistema evolutivo Mazdaznan, l’anima progredì attraverso una varietà di stadi e raggiunse la sua fase più avanzata quando si manifestò nella razza ariana. I seguaci di Mazdaznan credevano che il corpo fisico alla fine sarebbe stato completamente gettato via e l’anima avrebbe continuato il suo cammino verso un’intelligenza divina e disincarnata.

 

Sebbene Ha’nish non fosse personalmente affiliato a nessuna organizzazione fascista, la sua letteratura contiene ripetuti riferimenti a ciò che egli chiamava la supremazia del “popolo ariano” e il desiderio di mantenere la “purezza” intrinseca di certi tipi razziali. Negli anni tra le due guerre, tali teorie razziali furono integrate in diversi movimenti spirituali popolari, e Staudenmeier osserva che il sostegno e il coinvolgimento di diversi leader nazisti significava che alcune organizzazioni esoteriche non erano semplicemente tollerate, ma in realtà furono abbracciate dal Terzo Reich. 13Movimenti come Mazdaznan sostenevano uno stile di vita pastorale compatibile con l’ideologia antimoderna del nazismo, e Staudenmaier suggerisce che l’allineamento tra fascismo ed esoterismo durante la rinascita occulta europea fossero manifestazioni di varie forme paneuropee di modernismo sociale in cerca di una risoluzione per la crisi spirituale dell’Occidente. Negli anni del dopoguerra c’è stato un tentativo di rivedere e sanificare gli aspetti più ripugnanti di Mazdaznan. Valutato nella sua attuale forma attenuata, non si sospetterebbe mai che il movimento una volta sostenesse l’eugenetica o predicasse i benefici del governo di una razza ariana. Oggi, Mazdaznan è stato ripulito da tali discutibili principi e sembra non essere altro che un movimento per la salute olistico, “una scienza della vita di antica origine persiana, simile al sistema di allenamento dello Yoga indiano o Ayurveda”.14 Va anche notato che la misura in cui gli aspetti razziali del movimento sono stati abbracciati varia a seconda del luogo.

Mentre alcuni seguaci negli Stati Uniti nutrivano convinzioni razziste e antisemite, in Germania e Svizzera gli ideali volkisch si dimostrarono particolarmente popolari. 15

A parte poche eccezioni, la letteratura prodotta dal movimento in America e in Gran Bretagna è priva di materiale apertamente pregiudizievole, mentre diversi libri esclusivamente sulle teorie Mazdaznane della razza e dell’eugenetica furono pubblicati in francese e tedesco da Ammann – sembrano non avere inglese- equivalente in lingua. È importante sottolineare, tuttavia, che la successiva alleanza tra organizzazioni esoteriche e il partito nazista non dovrebbe essere vista come nient’altro che debole e temporanea. Nonostante i rapporti contemporanei di svastiche appese nella sua sede di Lipsia, Mazdaznan era una delle tante organizzazioni esoteriche bandite dal Ministero degli Interni nel 1935 come parte di un’epurazione di gruppi simili che portò all’eliminazione di molte attività occulte nel Terzo Reich.

La rivista antisemita Judenkennerha descritto Mazdaznan come una “maschera per l’ebraismo internazionale”, mentre un promemoria delle SS ha concluso che “… nega tutti i principi nazisti. Deve essere distrutto. ” 16

Johannes Itten non fu mai affiliato direttamente al partito nazista, a differenza del già citato Lothar Schreyer, che rimase coinvolto nel partito dopo la sua partenza dal Bauhaus. Il fatto che la scuola d’arte privata Itten fondata a Berlino dopo la sua partenza dal Bauhaus sia stata chiusa dal partito nel 1935 può essere presa come un’ulteriore prova che non era un seguace nazista. In effetti, il fatto che i dipinti di Itten siano stati inclusi nella mostra Entartete Kunst del 1937 è una prova che dimostra come era considerato dall’establishment nazista. Tuttavia, si può sostenere che la litografia di Itten Haus des weißen Mannes (Casa dell’uomo bianco) dal portfolio Neue europäische Graphik, 1. Mappe: Meister des Staatlichen Bauhauses in Weimar, 1921(New European Graphics, 1st Portfolio: Masters of the State Bauhaus, Weimar, 1921) non solo rappresenta una delle prime raffigurazioni di un edificio apertamente modernista e costruttivista, ma suggerisce anche che egli aderisse apertamente alle credenze razziali di Mazdaznan. In effetti, Magdalena Droste descrive come Itten abbia dato diversi contributi a riviste d’arte dell’epoca, discutendo teorie sull’evoluzione razziale e proclamando che la “razza bianca” rappresentava la più alta forma di civiltà. 17

A lungo termine, la presenza di elementi malevoli all’interno di Mazdaznan ha corrotto il movimento, contaminando alcuni degli affiliati ad esso. Tuttavia, nei suoi primi anni le idee Mazdaznan sembrano essere state rivelatrici per alcuni e, nel caso di Itten, sono servite da catalizzatore per la formazione di una nuova estetica. Ciò è esemplificato dalla sua Tower of Fire, un oggetto non più esistente che potrebbe essere stato un’opera scultorea o una maquette architettonica. 18

Gli elementi strutturali della torre di Itten possono essere letti secondo il loro simbolismo formale e numerico. Ad esempio, la spirale che costituisce la spina dorsale della torre rappresenta la possibilità di raggiungere stati ascesi ed evoluzione spirituale, obiettivi centrali di Mazdaznan. Lo stesso simbolismo è visibile anche nel suddetto dipinto Die Begegnung (The Encounter), che può essere visto come una dimostrazione dell’esplorazione dell’artista della teoria del colore, dei ritmi cromatici e del contrasto. Come accennato, la struttura è piena di simbolismo numerico, con il numero dodici ricorrente in tutta la torre in forme di vetro e metallo. Questo si collega alla stella schematica dei dodici colori ideata da Itten per introdurre gli studenti del Bauhaus alla teoria del colore.

Questa ricorrenza del numero dodici può essere collegata alla preoccupazione di Itten per lo zodiaco, ma è anche legata alle ricerche contemporanee dell’artista sulla musica e sulle armonie a dodici toni. Costruita da una serie di pannelli di vetro multicolore, la torre si assottiglia verso l’alto come un guscio conico. Le immagini in bianco e nero possono offrire solo un’idea limitata di quanto debba essere apparso questo monumentale minareto prismatico.

Inoltre,gesamtkunstwerk, avrebbe anche emesso luce e suono.

Di tutti i modi in cui Mazdaznan ha influenzato Itten, il più positivo e in effetti il ​​più storicamente significativo è stato il modo in cui ha informato le sue tecniche di insegnamento. Lo sviluppo di Itten di un programma educativo olistico per attivare sia il corpo che la mente attraverso l’esercizio fisico e mentale è stato influenzato direttamente dagli insegnamenti di Mazdaznan. Il fatto che il sistema pedagogico di Itten sia rimasto un elemento chiave del programma del Bauhaus dopo la sua partenza e sia ancora in uso oggi testimonia il fatto che almeno alcune idee propagate dal Dr. Otoman Zar-Adusht Ha’nish possedevano un valore affermativo. Éva Forgács sostiene che Mazdaznan era una filosofia di vita già pronta che gli studenti potevano adottare passivamente. Si concentra sugli aspetti negativi del movimento, suggerendo che Itten abbia usato il suo sistema esoterico per dominare i suoi studenti e usurpare la posizione di Gropius. Secondo Itten, tuttavia, incorporare questi elementi nei suoi metodi di insegnamento ha effettivamente avuto l’effetto opposto sui suoi studenti: le tecniche di Mazdaznan avevano lo scopo di responsabilizzare gli studenti. Scrivendo sui suoi metodi di insegnamento, Itten ha riconosciuto che c’erano molte cose accadute tra lui e i suoi studenti che non potevano essere adeguatamente descritte a parole:

“La descrizione del mio insegnamento mi sembra scadente rispetto a ciò che è realmente accaduto. Il tono, il ritmo, la sequenza di parole, il luogo e l’ora, l’umore degli studenti e tutte le altre circostanze che creano un’atmosfera vitale non possono essere riprodotto; eppure è l’ineffabile che aiuta a formare un clima di creatività. Il mio insegnamento è stato una scoperta intuitiva. La mia stessa emozione mi ha dato il potere che ha prodotto la prontezza dello studente ad apprendere. metodo di istruzione pianificato. ” 19

 

Sebbene i metodi di insegnamento non ortodossi di Itten siano stati criticati durante gli anni tra le due guerre, il passare del tempo ha visto molte delle idee e degli esercizi che ha applicato integrati nella pedagogia dell’arte tradizionale.

 

Diversi elementi del programma Vorkurs di Itten rimangono alla base dell’insegnamento di arte moderna e design. La devozione di Itten per Mazdaznan e la sua esperienza come insegnante hanno instillato in lui il desiderio e la capacità di consentire ai suoi studenti di aumentare il loro potere di percezione, intuizione e consapevolezza corporea.

Come accennato, Itten ha utilizzato gli esercizi descritti nella letteratura Mazdaznan come mezzo per promuovere un approccio più olistico all’insegnamento dell’arte, integrando corpo, mente e spirito.

Non c’è dubbio che la sua metodologia abbia avuto un enorme successo nel consentire a molti dei suoi studenti al Bauhaus (e in seguito nella sua scuola di Berlino) di realizzare il proprio potenziale creativo.

Sotto la direzione di Itten, gli studenti sono stati introdotti alla coscienza espandendo idee e possibilità che un’istruzione più convenzionale non avrebbe mai offerto. Il caso di Josef Albers, che ha iniziato la sua carriera sotto la guida di Itten, esemplifica questo aspetto dei metodi di insegnamento di Itten.20 La dichiarazione di Itten che “il colore è vita; perché un mondo senza colore ci appare morto. I colori sono idee primordiali, i figli della luce ” 21, ha sicuramente avuto un impatto su Albers, che sebbene prima di tutto un artista, può anche essere considerato uno scienziato dello spettro dei colori. 22

Nel 1926 Itten fondò la sua scuola d’arte privata d’arte a Berlino. L’iconica fotografia di se stesso e dei suoi studenti che praticavano le posture Mazdaznane fu scattata sul tetto della sua scuola nel 1931, che durò fino al 1934, quando fu chiusa a causa del suo “bolscevismo culturale”. Sebbene Itten sia rimasto attivo dopo questa data, lavorando in diversi ruoli, da allora è diventato una figura alquanto marginale. 23Mentre i suoi libri sulla teoria del colore sono familiari a molti, pochi sarebbero consapevoli del suo ruolo nella formazione della prima fase del Bauhaus. Indubbiamente, questo ha molto a che fare con la trasformazione del Bauhaus negli anni successivi alla partenza di Itten. I cambiamenti si sono verificati quando la scuola si è evoluta sotto nuovi direttori: c’era il desiderio che l’organizzazione si concentrasse sulla ricerca quantificabile e sulla produzione industriale. Quando ciò si verificò, gli elementi mistici o stravaganti furono eliminati. Sembra possibile che lo stesso Itten abbia contribuito a questa elisione dell’importanza di Mazdaznan nei primi anni del Bauhaus.

Nei suoi successivi testi autobiografici, egli stesso ha minimizzato l’importanza che Mazdaznan aveva per sé e per i suoi studenti al Bauhaus:

“I terribili eventi e le devastanti perdite della guerra avevano portato caos e confusione in tutti i campi. Tra gli studenti ci sono state discussioni senza fine e una ricerca impaziente di un nuovo atteggiamento mentale. La mia attenzione è stata attirata dal libro di Spengler, The Decline of the West. Mi resi conto che la nostra civiltà tecnico-scientifica era arrivata a un punto critico. Gli slogan “Back to Handicraft” o “Unity of Art and Technology” non mi sembravano risolvere i problemi.

Ho studiato filosofia orientale e mi sono occupato del Mazdaismo persiano e del cristianesimo primitivo. Così mi sono reso conto che la nostra ricerca scientifica e tecnologica diretta verso l’esterno deve essere bilanciata dal pensiero e dalle forze dell’anima dirette verso l’interno.

Georg Muche era giunto a conclusioni simili grazie alle sue esperienze di guerra e abbiamo lavorato in amichevole cooperazione. Abbiamo cercato le basi di un nuovo modo di vivere per noi stessi e per il nostro lavoro. A quel tempo, eravamo ridicolizzati perché facevamo esercizi di respirazione e concentrazione. Oggi lo studio della filosofia orientale è molto diffuso e molte persone praticano lo yoga.

Questi primi anni di Weimar sono erroneamente descritti come il periodo romantico del Bauhaus. Secondo me, questi erano gli anni degli interessi universali. Certamente sono stati commessi errori nell’esuberanza della ricerca e della pratica febbrili.

Mancava a tutti un grande insegnante che avrebbe potuto guidarci attraverso l’esuberante confusione “. 24

Sembra che qui Itten non riesca nemmeno a convincersi a nominare correttamente Mazdaznan, e le righe finali suggeriscono che sarebbe arrivato a sentire che Ha’nish, che spesso si autodefiniva “Maestro” ed era visto come un avatar o una divinità incarnata da alcuni dei suoi seguaci – era in definitiva un falso idolo, lontano dal grande maestro che il mondo cercava. In An Art of Our Own: The Spiritual in Twentieth-Century Art, Roger Lipsey scrive, “è motivo di stupore duraturo che il Bauhaus abbia avuto inizio con un’immagine di sé medievale e romantica ed è emerso in pochi anni come il principale artigiano di principi di design che sono l’essenza del “moderno” e il segno distintivo del secolo. ” 25Mentre questa affermazione registra in una certa misura i diversi elementi che componevano il Bauhaus nella sua fase iniziale, ovvia anche al modo in cui l’approccio pedagogico di Itten e l’estetica astratta che ha sviluppato sono stati plasmati dal suo impegno con la dottrina esoterica. Fino a poco tempo, la complessità e il significato di quegli elementi esoterici è stata minimizzata, relegata a poco più che una nota a piè di pagina. Forse questo è in parte dovuto agli aspetti estremamente discutibili di Mazdaznan, che dalla nostra prospettiva nel ventunesimo secolo sembrano palesemente ovvi. Gli elementi antisemiti e suprematisti ariani presenti nella letteratura di Mazdaznan hanno contaminato irrevocabilmente il movimento e molto probabilmente hanno giocato un ruolo nel contribuire al ruolo di Itten al Bauhaus che in seguito è stato minimizzato. Tuttavia, il Bauhaus nella sua prima fase,

 

● NOTE A PIÈ DI PAGINA
  • 1 Ha’nish inserì Zar Adusht nel suo nome come mezzo per elevare ulteriormente il suo status di guida spirituale. Il nome ha associazioni con Zoroastro e sottolinea la sua presunta nobile nascita, la parola zar che significa “principe” in arabo.
  • 2 La Società Teosofica fu ufficialmente fondata a New York City, il 17 novembre 1875 da Helena Petrovna Blavatsky, il colonnello Henry Steel Olcott e William Quan Judge.
  • 3 Nella Dottrina Segreta, Blavatsky sostiene che c’erano centri di apprendimento e iniziazione esoterici in Oriente. Blavatsky ha affermato di aver letto le stanze di Dzyan in un Lamasery himalayano e ha mantenuto che molti centri simili di apprendimento e iniziazione esoterici esistevano altrove. Secondo Blavatsky c’erano magnifiche biblioteche e favolosi monasteri in grotte di montagna e labirinti sotterranei in tutta l’Asia centrale.
  • 4 Dr. OZ Ha’nish: Health & Breath Culture , Mazdaznan Press, Chicago 1914, p. 1.
  • 5 Nicholas Goodrick-Clarke: The Occult Roots of Nazism: The Ariosophists of Austria and Germany, 1890-1935, New York University Press, New York 1992.
  • 6 Ha’nish: Health & Breath Culture , 1914, p. 119.
  • 7 Peter Staudenmaier: Between Occultism and Fascism: Anthroposophy and the Politics of Race and Nation in Germany and Italy, 1900-1945 , dissertazione non pubblicata, Cornell University, Cornell 2010, p. 80.
  • 8 Opportunamente, questo edificio possedeva diversi elementi strutturali progettati da Goethe durante la sua permanenza a Weimar. La Casa dei Templari fu quasi completamente distrutta dai bombardamenti di Weimar nel 1945 e oggi rimane un rudere. Tuttavia, le finestre del pentagramma e le figure scultoree dei Cavalieri Templari sono ancora intatte.
  • 9 Éva Forgács: The Bauhaus Idea and Bauhaus Politics, Central European University Press, Budapest 1995, pag. 48.
  • 10 Magdalena Droste: Bauhaus Archiv 1919-1933, Taschen, Colonia 2002, p. 30.
  • 11 Forgács: The Bauhaus Idea and Bauhaus Politics , 1995, p. 78.
  • 12 Un articolo della Weimarische Zeitung del giugno 1924 affermava che la licenziosità era diffusa al Bauhaus, che una studentessa era rimasta incinta e un altro aveva avuto una relazione con un maestro. L’articolo avvertiva che bisogna impedire alle persone di mandare lì i loro figli e le loro figlie.
  • 13 Staudenmaier: Between Occultism and Fascism: Anthroposophy and the Politics of Race and Nation in Germany and Italy 1900-1945 , p. 520.
  • 14 Citazione dal sito web del movimento Mazdaznan: http://mazdaznan.ca/history_of_mazdaznan.php (18 agosto 2016).
  • 15 Constantine Leon de Aryan era un antisemita di destra che difendeva Mazdaznan negli Stati Uniti.
  • 16 Corinna Treitel: A Science for the Soul: Occultism and the Genesis of the German Modern , Johns Hopkins University Press, Baltimore 2004, p. 229.
  • 17 Droste: Bauhaus Archiv 1919–1933 , 2002, p. 32.
  • 18 È stato suggerito da diversi storici dell’arte che la Torre del Fuoco fosse in realtà intesa come edificio dell’aeroporto di Weimar.
  • 19 Johannes Itten: Design and Form: The Basic Course at the Bauhaus , trad. John Mass, Reinhold Publishing Corporation, New York 1964, pag. 7.
  • 20 Albers diventerà professore al Bauhaus nel 1925.
  • 21 Johannes Itten: The Elements of Color, John Wiley and Sons, New York 1970, p 8.
  • 22 L’ impegno di Albers nell’indagare le proprietà del colore è esemplificato nella sua serie Homage to the Square , iniziata nel 1949. Si compone di oltre un migliaio di opere d’arte, tutte componenti di una singola indagine prolungata sull’interazione del colore.
  • 23 Nel 1932 Itten divenne il direttore della Textile Design School di Krefeld, in Germania, ricoprendo questo incarico fino al 1938, quando emigrò nei Paesi Bassi. Dal 1949 Itten è stato coinvolto nella creazione del Museo Rietberg di Zurigo, dove è stata esposta l’arte asiatica, africana, americana e oceanica. Nel 1961 ha pubblicato il libro Art and Color e da allora è stato più conosciuto come un influente teorico del colore.
  • 24 Itten: Design and Form: The Basic Course at the Bauhaus , pp. 11–12.
  • 25 Roger Lipsey: An Art of Our Own: The Spiritual in Twentieth-Century Art , Random House, New York 1988, p. 201.

 

Tratto da: http://www.bauhaus-imaginista.org/articles/2210/a-mystic-milieu

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here